Creazioni e particolari di Ossidiana

Salita S.Giuseppe (Marina Corta) Via Marte 3, 98055 Lipari.

Cell. 339 1958478     email: massimo.ziino@libero.it

L’ Ossidiana è un vetro vulcanico che ha origine dal veloce raffreddamento di lave ricche di silice: lo shock termico impedisce la formazione di cristalli e produce una massa amorfa e rigida, ricca di inclusioni di varie minerali.

Di colore nero e generalmente opaco, può assumere anche un colore argento (ossidiana argentata) se nel magma originario sono presenti bolle di gas finemente distribuite oppure un aspetto variopinto e brillante se sono di acqua (ossidiana arcobaleno). Se nel processo di formazione della roccia si trovano feldspati grigi allora assume una colorazione a macchie bianco-grigie, la cosiddetta ossidiana fiocco di neve.

Elemento dell’Ossidiana: Fuoco: l’elemento fuoco riguarda la sfera dell’energia e della forza maschile (coraggio, volontà, purificazione, conquista)
L’ossidiana deve il suo nome attuale a Obsius, il cittadino romano che, da come ci racconta Plinio chiamandola lapis obsianus oobsidianus, la scoprì in territorio africano, nell’odierna Etiopia.

Effetto sul corpo:
L’ossidiana attenua il dolore e stimola la circolazione periferica, perciò risulta utile per le persone con mani e piedi cronicamente freddi (soprattutto la varietà fiocco di neve). Scioglie i blocchi energetici ed elimina le tossine dal corpo.

L’ossidiana allevia le infiammazioni causate dai virus e batteri nell’intestino e ne migliora il funzionamento, favorendo il riprodursi della flora batterica. Rafforza la spina dorsale ed è utile in caso di scoliosi.

effetto sulla psiche:

L’ossidiana attira nel corpo energia fisica e sessuale, ci connette con le vibrazioni della terra e risveglia in noi la forza necessaria per vivere e realizzarci. Poiché lavora con il primo chakra, radica le energie spirituali superiori nei chakra inferiori ed è dunque utile alle persone estremamente emotive e instabili, che hanno scarso contatto con la realtà.

a pietra del guerriero, il quale affronta ogni cosa con la calma e la riflessione di chi non ha paura della morte. Dona chiarezza interiore, equilibrio e armonia.

L’ossidiana collega spirito e materia. Facilita l’introspezione, porta in superficie le emozioni e i pensieri più nascosti e permette alla mente cosciente di penetrare i lati oscuri della personalità, indirizzando l’individuo verso la via della trasformazione. Purifica l’ego perché funziona da specchio, distrugge le illusioni e riflette anche i difetti: è la luce che dissolve il buio, il sé incontra la sua ombra per comprenderla e illuminarla. È una pietra di autoconoscenza.

L’ossidiana aiuta, inoltre, a liberare le emozioni represse, inducendo le persone che hanno eccessivo autocontrollo sbloccare la censure e ad agire in sintonia con i propri sentimenti. Come tutte le pietre nere, l’ossidiana muove le energie stagnanti e negative e le disperde, consentendo di superare le paure e i traumi che bloccano la crescita personale dell’individuo. Funge da scudo protettivo e sigilla l’aura.

impiego dell’Ossidiana:

L’ossidiana può essere scaricata dopo l’uso sotto l’acqua corrente. Per ottenere i migliori effetti sul piano fisico e spirituale si consiglia di portare la pietra con sé a stretto contatto con la pelle, in tasca o sulle zone dolenti, ma mai al collo. Attenzione: va usata con cautela da chi ha una forte carica emotiva e meglio se accompagnata da un cristallo di rocca.

Le tradizioni popolari

Nel medievo attribuivano alle pietre nere poteri soprannaturali per cui veniva spesso impiegata nelle pratiche magiche, o per scopi terapeutici; gli Atzechi utilizzavano le sue polveri per cicatrizzare le ferite.
L’ossidiana scolpita in forma di scarabeo è uno dei più antichi talismani di cui abbiamo conoscenza.
Il coleottero di ossidiana era infatti considerato l’emblema della vita, ritenuto capace di sprigionare energia tale da rendere i guerrieri invincibili.
Anelli con scarabei di ossidiana erano anche infilati alle dita dei defunti per assicurar loro una nuova vita.

Curioso come ancora oggi Anche in Marmilla (Sardegna) si conserva l’usanza di dotare i neonati di un pendaglio scaccia malocchio, noto col nome di: “Sa Sabeggia”, costituito da un piccolo frammento di ossidiana racchiuso all’interno di una retina di cotone bianco.

L’ossidiana è associata all’immagine di Persefone e racchiudendo l’energia vibrante della terra è utilissima per attirare nel corpo energia puramente fisica